Festival del Web Marketing 2014: tanta formazione ma non solo..

Partecipare al Festival del Web Marketing 2014, è stata una bella e ricca esperienza. A partire dal viaggio verso Roma, condiviso in macchina grazie all’opportunità messa a disposizione dagli organizzatori (GT Idea) .

Alle 7:00 ero in viaggio con Gaia, Lara, Cinzia, Sandra e Lucia, tutte professioniste del mondo della comunicazione e del web, destinazione Roma.

viaggio festival web marketing roma 2014

Già mi ero costruito il percorso formativo da seguire, perchè nelle 5 sale (SEO, Content, Analisi e Strumenti, Social Network e Advertising) gli interventi della durata di c.a. 30 minuti ciascuno, erano veramente tanti (quasi 40 durante tutto il giorno).

Appena arrivati, subito diretto al primo intervento, in sala “Aspetto e Contenuti”: “Creare Contenuti efficaci su scala internazionale”. Francesca Zadra ha fornito tanti consigli e indicazioni per la stesura di contenuti “appiccicosi”, quelli appunto che fanno rimanere attaccati allo schermo per leggerli, contenuti che si fanno condividere, tra cui:

– piacciono al lettore

– partono da un brief chiaro a chi li deve scrivere

– sono meglio della concorrenza

– hanno un piano e un calendario editoriale

– hanno un buon brief, ben strutturato

E’ stato poi il turno nella sala SEO, di seguire Enrico Altavilla per l’intervento “Come le (re)azioni degli utenti modificano il ranking su Google.” In questo corposo e ricco intervento l’attenzione era rivolta ad uno degli aspetti che influenza il ranking su Google, ovvero le azioni fatte dagli utenti sul contenuto, sulla pagina di arrivo, in SERP, ma non solo. Il ranking dunque può cambiare in funzione della soddisfazione degli utenti, in base a una serie di indicatori di performance dopo che un risultato di ricerca è apparso. Google ad es. monitora il tempo di ritorno sulla SERP dopo il click sul sito. Ecco alcuni suggerimenti SEO emersi:

– lo SNIPPET: è il biglietto da visita, deve essere chiaro e trasparente su cosa l’utente troverà sulla pagina, sincero, a riprova del fatto che le bugie non piacciono a Google

– analizzare Title e Description dei competitors

non enfatizzare troppo le CALL TO ACTION: il click dovrebbe essere il più possibile la conseguenza naturale della rilevanza percepita dei contenuti

creare insomma le giuste aspettative, in quanto la reazione dell’utente dopo è molto importante per il ranking

– avere TITLE e DESCRIPTION coerenti con la landing page

– l’utente insomma deve essere al centro

reazioni utenti google

Ho seguito poi il Case Study “#DestinazioneConero: ti racconto una storia di Turismo 2.0 – Riviera del Conero”.  Tema questo della promozione turistica che mi sta particolarmente a cuore sia per deformazione professionale che affettiva (e non a caso contribuisco con qualche post sul blog GiorgioTave nella sezione Turismo). In questo intervento, tra i vari spunti operativi emersi dalla promozione  web della Riviera del Conero, Carlotta Carucci ha parlato del lavoro svolto per costruire una identità condivisa del territorio, passando alla costituzione di una destinazione turistica  piuttosto che tanti “campanili” frammentati. Importante in questo progetto è stato pertanto il lavoro di coinvolgimento e partecipazione alla costruzione della destinazione condivisa con il territorio, gli operatori turistici, ecc.

destinazione conero festival del web marketing 2014

Intervento successivo, “WordPress: i migliori plugin per migliorare l’esperienza dell’utente e dei collaboratori.”

Tra quelli visti:

– Relevanssi

– Yarpp

– Edit Flow

– Past as Plain Text

– Comment Images

– Php

plugin wordpress festival web marketing

“Da SEO a SEO: come usare in pratica il Content Marketing” è stato l’intervento successivo che ho seguito di Valerio Notarfrancesco. Il focus è stato appunto sul Content Marketing con tanti spunti pratici (sapevate ad es. che un PDF può essere ottimizzato per essere indicizzabile? o che tramite il comando App Indexing si può collegare il contenuto di un sito ad una APP in modo da permettere a Google di mandare direttamente agli store?).

Il SEO Content si compone di 3 parti:

– fattori ON-SITE

– fattori OFF-SITE

– Azioni degli utenti in SERP.

Il Content Marketing è marketing che aiuta e permette di incidere (a patto che si diano contenuti di valore e utili), su tutti i campi di Google.

content marketing festival del web marketing 2014

 

E’ stato poi il turno del grande Martino Mosna che ho avuto modo in altre occasioni di seguire in formazione su Google Analytics e SEO e che a Roma ho avuto l’occasione di conoscere personalmente. Devo dire che ha confermato le mie alte aspettative parlando di “Integrazione tra GWT e Google Analytics: vantaggi nel monitorare i risultati SEO!” con la semplicità e profondità e con il giusto mix di tecnica, teoria e pratica (“Sempre la pratica devessere edificata sopra la buona teorica” diceva Leonardo Da Vinci) che lo contraddistingue.

Martino ha spiegato come poter integrare GA e GWT (cosa che può essere fatta solo da GA) e come poter utilizzare i dati che emergono dall’integrazione, come poter automatizzare i report, ecc. Insomma come tutte le attività sul web e social media, l’analisi dei dati è sempre più determinante.

google analytics e webmaster tool martino mosna

 

In sala Advertising ho seguito l’intervento di Angelo Marolla su “Facebook ADS: una marcia in più e un occhio al Power Editor”. In particolare il focus è stato sulla differenza tra i due strumenti per fare Facebook ADS. Il Power Editor è uno strumento molto articolato e dettagliato che sembra essere una sorta di test per funzionalità che poi vengono adottate nel pannello di gestione “tradizionale” delle ADS.

Tra le motivazioni per lavorare col Power Editor di Facebook:

– quando lavoriamo con un Budget elevato

– con target diversi

– con campagne ampie e di massa

facebook ads e power editor festival web marketing 2014

Ultimo intervento seguito “Tecniche di Neuromarketing e progettazione: misurare le reazioni per una comunicazione efficace” dove partendo da casi di studio è stata analizzata la reazione degli utenti a diverse tipologie di pubblicità.

neuromarketing iulm festival web marketing 2014

Insomma è stata una giornata particolarmente intensa e formativa, ricca di scambi, di conoscenze e con tanti contenuti da approfondire. E per finire, birra per tutti, per una giornata “a tutta birra”.

birra al festival del Web Marketing 2014

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
Email
Print